16 settembre 2018

Il team Orange1 GRT ha vissuto un weekend frenetico e frustrante conquistando un podio molto combattuto in Gara 1 nel 9° round della serie GT Blancpain al Nürburgring.

Il weekend è iniziato positivamente con una fantastica pole position di Bortollotti in Gara a bordo della Lamborghini Huracan GT3 n.63, condivisa con il compagno di squadra Christian Engelhart. Un team molto agguerrito e carico pronto a partire dalla prima fila dopo una sessione di qualifica di successo per la fase finale della Blancpain GT Series Sprint Cup.
Dopo la partenza, Mirko Bortolotti ha mantenuto quel ritmo in gara e quando Engelhart ha preso il comando, ha portato la numero 63 al gradino più alto del podio nella sua gara di casa. Tuttavia, un dramma post-gara ha definito che questo non potesse essere un fine settimana di successo e il risultato finale – un 13° posto deludente – non è stato all’altezza delle aspettative.
Infatti in seguito alla decisione dei Commissari Sportivi, Engelhart ha subito un drive-through di 30 secondi a causa della violazione dell’articolo 120 del Regolamento Sportivo 2018 Blancpain Series GT per un errore nel dispositivo delle cinture di sicurezza e in seguito l’auto n.63 è stata squalificata dall’evento per Gara 2. 

Mirko Bortolotti: “Sono davvero contento della prestazione e del lavoro svolto dal team. Sono molto contento delle mie qualifiche, conquistando la mia seconda pole stagionale nella Sprint Cup. Abbiamo iniziato la giornata nel migliore dei modi. Sono partito dalla pole e ho difeso il mio vantaggio nella prima curva e ho creato uno stacco nel mio stint. Poi Christian è riuscito a finire il lavoro, coronando un sabato perfetto e conquistando la vittoria e la pole position. Sfortunatamente, dopo di ciò siamo stati penalizzati con i 30 secondi di drive-through, che ovviamente hanno annullato un grande sforzo e il duro lavoro svolto da tutti noi. Da una parte siamo contenti del lavoro svolto in pista, perché abbiamo vinto una gara, ma dall’altra parte è molto deludente essere usciti dalla lotta per il titolo in questo modo. Voglio dire grazie a tutto il team per l’ottimo lavoro e per averci permesso di lottare per il titolo ancora una volta, anche se questa non era la fine che meritavamo”.

Armando Donazzan Presidente di Orange1: “Sono deluso per quello che è successo, è un peccato aver perso l’occasione di lottare per il titolo e per il campionato. È difficile da accettare, ma le regole sono regole e non c’è nulla che possiamo fare. Un grande ringraziamento alla squadra che ha fatto un ottimo lavoro durante il fine settimana e complimenti ad Andrea Caldarelli e Ezequiel Perez C. per l’ottimo 5° posto ottenuto con la Lamborghini #19”